Loading

Come rendere casual una longuette con l’aiuto degli accessori

Un paio di pantaloni con volant sul fondo per un look da ufficio
Shooting dal sapore rétro tra Piazza del Popolo e il Pincio

Come ben sapete, per alcuni mesi non sono riuscita a pubblicare nuovi post a causa del restyling del blog che mi ha portato via parecchio tempo. Tempo in cui comunque ho continuato a scattare dei look, tra cui quello che vi mostro oggi, per cui spero mi perdonerete ma si tratta di foto scattate ad inizio estate, quando ancora a Roma era possibile passeggiare senza rischiare il collasso per via del caldo. 🙂
Questa volta abbiamo scelto di girovagare per una zona di Roma meno centrale, più a sud, ma davvero molto bella a mio parere.

Il Look:

Se dovessi dirvi quale è l’outfit tipo che indosso in una giornata di lavoro o commissioni, direi decisamente questo. Adoro indossare le longuette abbinandole con gli anfibi o scarpe maschili, trovo che siano un accostamento che mi rispecchia molto: comodo ma iper femminile. Quando il clima è freddo generalmente aggiungo a questa combo una maglia o un body altrimenti, quando fa più caldo, adoro completare il look con un crop top come in questo caso.
Ho deciso , poi, di utilizzare questa particolarissima pochette di Poshead perché non è la solita borsa e la trovo perfetta in combinazione con capi casual ed abbastanza minimali, poi questa nuance di rosa mi piace tantissimo! Inoltre, visto che volevo dare risalto agli accessori, ho indossato il bracciale Origami di Noshi, una vera scoperta poiché si tratta di un gioiello molto duttile che può essere utilizzato in diversi modi proprio grazie alla sua forma geometrica ispirata all’arte degli Origami giapponesi!

Dove:

C’è una zona di Roma che mi piace particolarmente, soprattutto in primavera ed estate quando si riempie di piante ed alberi fioriti in ogni angolo, l’area circostante  Villa Fiorelli. Si tratta di una zona residenziale caratterizzata da villette e bassi palazzetti, molti di impronta liberty, dipinti in toni caldi e pastello al cui centro si trova Villa Fiorelli, appunto. Già nel XVIII secolo la villa esisteva, ma era conosciuta come Vigna Costantini e faceva parte della molto più ampia proprietà rurale dei Conti Costantini finché la contessa Costantini non si sposò con Luigi Fiorelli nel 1848 e la Villa divenne di proprietà della famiglia di quest’ultimo.
Ciò che possiamo ammirare ora è solo una piccola parte dell’area verde che esisteva, ma si tratta comunque di un parco totalmente rinnovato ed in linea con l’architettura di inizi Novecento delle costruzioni adiacenti.
Abbiamo dunque passeggiato per il quartiere utilizzando come location nessun luogo o monumento in particolare, ma approfittando di questi deliziosi scorci colorati, ancor più suggestivi secondo me con la luce dorata del tramonto.

Queste sono proprio le giornate che preferisco, trascorrendole sì a lavorare ma potendo fortunatamente godere delle bellezze che Roma ha da offrire e traendo ispirazione anche dai colori della natura e dai meravigliosi fiori che invadono la città per diversi mesi dall’inizio della primavera a quello dell’estate.

TOP, GONNA: H&M / BRACCIALE: Noshi Jewelry / BORSA: Poshead / STIVALI: Lumberjack

Un paio di pantaloni con volant sul fondo per un look da ufficio
Shooting dal sapore rétro tra Piazza del Popolo e il Pincio

Articoli Correlati

Anfibi: il mio modo preferito per indossarli

Quanto siete felici quando il tipo di capo o accessorio che preferite entra a far parte delle tendenze di stagione? Quando i negozi si riempiono dell’oggetto del desiderio in questione declinato in tantissimi colori e materiali non sentite in voi un piccolo grido di vittoria perché finalmente non avrete...

Leggi tutto

Tendenza rosa: come arrendersi al colore più popolare del momento

Devo confessarvi una cosa, ultimamente mi sono follemente innamorata del rosa o meglio ho sempre amato il rosa antico o il rosa chiaro per l’arredamento o per qualsiasi altra cosa, essendo questo un colore che mi procura serenità, ma mai ho indossato capi rosa.

Leggi tutto

Lascia un commento